News

AGONY | L’agonia dell’ Attesa

Arriva come un dardo silenzioso e inatteso nel cuore della notte la notizia che, a 9 giorni dall’uscita, Agony viene posticipato. Madmind Studio fa sapere che il titolo, uscendo su PC, PS4 e XBOX ONE, necessitava di perfezionamenti che rendessero l’esperienza godibile non solo all’utente PC bensì su tutte le piattaforme dove è previsto (e atteso). Si presume quindi sia tutta una questione volta a performare al meglio il titolo, mosso dall’ Unreal Engine 4 che, come sappiamo, è capace di cose che su console non sono del tutto fruibili. Non in simultanea almeno. Gli sviluppatori chiedono di pazientare e che contano di risolvere al più presto quanto hanno da risolvere.

 

agony

 

Ormai in dirittura d’arrivo nei negozi e shop online di tutto il mondo per il 30 Marzo sapere della positicipazione, senza alcun dettaglio circa la data alternativa, spiazza e delude un po’. Ricordiamo che Agony è un survival horror in prima persona che ci vede nei panni di un dannato nelle oscure, terribili e graficamente superbe profondità dell’inferno a cui siamo stati condannati dopo una vita di cui non ricorderemo nulla e che ricostruiremo man mano che l’insperata fuga dai gironi infernali procederà. A tal scopo oltre a sottrarci dai demoni, mostruosi e bestiali guardiani del regno di Lucifero dalle sembianze a dir poco disturbanti e i cui latrati doneranno più di un brivido già udendoli da lontano, dovremo interagire con altri, più o meno smemorati, dannati nella nostra stessa condizione e arresi all’eterno flagello cui le dissoluzioni della loro vita li han condotti.

 

agony

 

Semplice, forse banale come background. Ma la fuga dagli inferi, oltre a essere stilisticamente quasi un oscuro quadro di Dalì dove non sempre tutto è come sembra e la stessa gravità e logica delle cose è come dovrebbe essere, è suggestivamente proposta anche dal comparto audio, scenico e cinematico. Il senso di abbandono, perdizione e condanna sembra tangibile, prepotente, soffocante. Agony è, prima che visivamente e nel fisico virtuale del giocatore, un’agonia lenta ed eterna nella tensione e nell’atmosfera di un inferno riprodotto come il luogo dove davvero nessuno vorrebbe mai essere. Da oggi Agony tiene fede al suo nome anche grazie all’attesa a cui ci costringe ma che di certo sarà premiata da un gran bel gioco, specie per gli amanti del genere. Quindi pazientate… e siate buoni. I cattivi vanno all’inferno.

 

 

Altro su Agony

Massimiliano Occhipinti

Scrittore ADGamer.it

Commenta

Scrivi il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Twitch

Segui ADGamer.it